Cari amici lo sapete che la vera causa del dolore al ginocchio siamo proprio noi? Sottoponiamo le nostre ginocchia a fatiche e cambiamenti. Esse non sono state inventate per giocare a calcio, sopportare urti violenti, per stare appoggiati sul ginocchio tutto il giorno, l’inventore del ginocchio forse non sapeva tutto quello che noi esseri umani avremmo fatto sopportare alle nostre ginocchia.

I rimedi contro il dolore al ginocchio

Di seguito sono presenti tutti i migliori rimedi naturali per il dolore al ginocchio: per prima cosa è molto importante aver cura delle nostre ginocchia ed evitare alcuni maltrattamenti che possono danneggiarle.

Innanzitutto il peso corporeo è una causa principale dei problemi al ginocchio. Ogni chilo che pesate, sotto sforzo, viene moltiplicato per sei sull’area del ginocchio. Per farvi un esempio, non potete mettere un carico di un tir su delle ruote di una smart quindi attenzione al sovrappeso.

Lasciate perdere le fasce elastiche che trovate nei negozi sportivi che hanno lo scopo di dare un sostegno al ginocchio in realtà peggiorano la vostra situazione mentre quelle davvero utili sono molto più complicate e devono essere fatte su misura.

Quando avvertite il dolore al ginocchio metteteci su una pomata rubefacente (lozione alla gaultheria o al salicilato di metile) produce calore, ed è in grado di alleviare il dolore. Per aumentare ulteriormente il calore nella zona dolorante, coprite il ginocchio con la plastica senza procurarvi bruciori o irritazioni.

Ricordate che è fondamentale rinforzare i muscoli delle gambe che sostengono il ginocchio, perché essi sono la vera struttura di sostegno. Quindi è importante fare esercizio fisico per evitare muscoli deboli che non resistono allo sforzo.

Esercizi utili per rafforzare il ginocchio e prevenire i dolori

Incominciate a rinforzare i quadricipiti (i muscoli sul davanti della coscia): sedetevi per terra con il ginocchio dolorante dritto davanti a voi, mettete un asciugamano arrotolato sotto il ginocchio e in seguito tendete i muscoli della gamba senza muovere il ginocchio. Mantenete la contrazione per almeno 30 secondi, poi rilassate i muscoli. Ripetete questo esercizio per venticinque volte.

Per chi possiede ginocchia deboli e poco allenati, questo esercizio fa a caso vostro: sedetevi con la schiena appoggiata a una parete, per favorire la schiena, e posizionate un cuscino dietro alla vita.

Una volta aver trovato la posizione corretta fate la contrazione isomentrica contando fino a cinque, spiegata nell’esercizio precedente, poi sollevate le gambe di qualche centimetro e bloccatevi, ricontate fino a cinque, abbassate le gambe e rilassatevi, poi contate fino a cinque e ricominciate con l’esercizio arrivando a fare tre serie di dieci sollevamenti.

Non trascurate i muscoli della parte posteriore delle cosce(bicipiti femorali) però ricordando che essi devono svilupparsi insieme, se si sviluppa uno più dell’altro il ginocchio non regge lo sforzo.

Provate con questo esercizio: sdraiatevi a pancia in giù con il mento per terra, aggiungete un peso alla caviglia ed il ginocchio piegato, alzate il polpaccio di 25-40 centimetri da terra e dopo abbassatelo lentamente. Ripetete questo esercizio per almeno tre serie. Attenzione, se avvertite dolore dovete smettere è molto importante ascoltare il proprio corpo che sempre ci invia dei segnali.

Se siete degli atleti e non riuscite a calmare il dolore al ginocchio dovete cambiare tipo di allenamento, o addirittura allenarvi in altri sport.

Inoltre se dopo un’attività avete dolore al ginocchio mettete la zona dolorante a riposo per un quarto d’ora e applicate del ghiaccio. Quest’ultimo è un efficace antinfiammatorio e vi aiuta a risolvere il problema, mandando per utilizzo del freddo più sangue alla parte da guarire e quindi più ossigeno alle fibre e tutti i principi naturali nel nostro corpo.

Per prevenire disturbi alle ginocchia è fondamentale fare riscaldamento e successivamente raffreddamento in maniera corretta. Prima di incominciare fate stretching molto leggero non esagerate con lo stiramento. Continuate con una marcia sul posto e un po di corsa. Quando avete terminato potete incominciare con le estensioni controbilanciando i colpi che l’esercizio scarica sulle ginocchia.